Cinquemila chilomentri al secondo

cinquemila-chilometri-al-secondo-recensione-grammateca-simona-comi

Recensione di Simona Comi.

Una storia veloce Cinquemila chilometri al secondo, veloce quanto l’amore che racconta, veloce nonostante racchiuda 20 anni di storia dei suoi personaggi.
La graphic novel del romagnolo del romagnolo e itinerante Manuele Fior è così intensa che gli acquarelli tenui delle illustrazioni si contrappongo alla sua trama potente.

Un volume di grande formato per raccontare una storia piccola, quotidiana, che molti giovani vivono sulla loro pelle o attraverso gli sguardi indecisi degli amici. Andare o restare?

Ma poi la vita, come sempre o come a volte le lasciamo fare, ci impone una scelta, una strada e finché non la percorriamo non sappiamo se sia quella giusta. O forse la scelta sta proprio nel decidere di percorrerla o di restare fermarmi al bivio, adattandosi alle circostanze.

Dalle parole dello stesso autore, Cinquemila chilometri al secondo è il ritratto di una generazione precaria ma non solo dal punto di vista professionale ma anche identitario e dei sentimenti.

Una generazione che viaggia, che va via dall’Italia, che si allontana dai propri affetti e che, ad un certo punto, sente di essersi persa qualcosa.

Cinquemila chilometri al secondo è pubblicato dalla Coconino Press, marchio che fa parte del gruppo Fandango e che ha fatto conoscere in Italia, una lunga serie di romanzi a fumetti.

VOTO:  


Simona Comi
The Author

Simona Comi

Editor, docente di lingua.