Portici di carta 2014: una passeggiata letteraria a Torino

I libri sono di chi legge

Sabato e domenica 4 e 5 ottobre, come già preannunciato, il Gramma-team ha seguito per voi la manifestazione Portici di carta, una passeggiata letteraria tra le vie della città di Torino.

Portici di carta è un’iniziativa realizzata dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura insieme alla Città di Torino con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT e Camera di Commercio di Torino.

Al di là degli appuntamenti in programma tra cui l’omaggio a Dino Campana e a Giorgio Faletti, quello che a colpo d’occhio mi ha impressionato più di tutto è stata la fiumana di gente accorsa per “consultare” la più grande libreria a cielo aperto.

Portici di carta ha coinvolto i veri amanti della lettura e l’aria che si respirava sotto i portici di Via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice era quella che possiamo respirare nella nostra libreria preferita, nel caffè letterario del cuore o tra le mura di casa nostra.

IMG_20141005_161754_1

La passeggiata letteraria si snodava per le vie torinesi da piazza Carlo Felice a piazza San Carlo, considerata il salotto della città.  Il percorso era suddiviso in 19 vie tracciate sulla cartina del programma della manifestazione: la via degli editori piemontesi, la via delle arti, la via della storia e della società, la via della storia locale, la via delle passioni, la via della narrativa, la via degli editori piemontesi 2, la via dei gialli e del noir, la via dei viaggi, la via delle culture orientali, la via della letteratura al femminile, la via del libro ritrovato, la via dei remainders, la via dei bambini e ragazzi, la via delle lingue, la via delle scienze e delle tecnologie, la via della narrativa 2, la via della spiritualità e la via del gusto. Tutto il percorso contava oltre cento tra librerie grandi e piccole, indipendenti e di catena, generaliste e specializzate.

La via del gusto, invece, era lo spazio dedicato ai maîtres chocolatiers torinesi e piemontesi dove era possibile gustare un buonissimo caffè al bicerin (liquore tipico piemontese) e dolci di ogni genere, primi fra tutti quelli al cioccolato.

Uno spazio altrettanto affascinante era quello dedicato ai più piccoli nella galleria San Federico in cui si sono svolti incontri, letture e laboratori per bambini da 0 a 10 anni accompagnati dai genitori. L’editore ospite di quest’anno è stato EDT-Giralangolo con la linea per ragazzi della celebre casa torinese e con i suoi migliori autori e illustratori.

DSC01911

Un programma ricco di iniziative per grandi e piccini, ma ciò che più di tutto ha attirato i lettori appassionati e accaniti (e quindi anche Gramma-teca) è stata la grande libreria en plen air lunga quasi due chilometri e che ci ha permesso di respirare per due giorni il dolce profumo della carta stampata.

Alle 20 del 5 ottobre è calato il sipario su Portici di carta, la passeggiata letteraria di Gramma-teca, invece, continua ad oltranza.

 


The Author

Roberta Cotroneo

Traduttrice EN, ES>IT, appassionata di editoria, lingue straniere e gatti.

Comments

Leave a Reply