Natasha Turano

natasha-turano-grammateca

Nata sul lato calabrese dello Stretto, fin dalle elementari ho una sola certezza: “la matematica non sarà mai il mio mestiere”. La risposta a tutte le mie domande le ho sempre trovate nei libri. Mi dedico così al lato “umano” degli studi e, duellando con lunghe versioni di greco e di latino, maturo la convinzione che le parole siano azione e che una penna possa contribuire a cambiare molte cose. Questa intuizione mi porta dall’altro lato dello Stretto, a Messina, dove conseguo la laurea triennale in Scienze dell’informazione: editoria e giornalismo.

Sono anni spensierati, fatti di nuove esperienze, risate e libri. È il 2008 quando incontro una ragazza dal vestiario arcobaleno che mi porge un libro: è “Oceano mare” di Baricco, l’inizio di una grande amicizia, di scambi di pagine e citazioni. Partita alla volta di Roma per ultimare gli studi universitari, ho collaborato con molti giornali e associazioni impegnate nel sociale, svolgendo il ruolo di giornalista e addetto all’ufficio stampa.

Dal 2016 uso la mia penna per rispondere a chi sostiene che “con la cultura non si mangia”, collaborando con quella ragazza vestita di arcobaleno (che nel frattempo ha imparato a dosare i suoi colori) alla crescita di un sogno a righe, con il ruolo di redattore e addetto alla comunicazione esterna di Gramma-teca.


Simona Comi
The Author

Simona Comi

Editor, docente di lingua.