Spettacolo di letture Mediterranea

spettacolodiletturemediterranea-grammateca

Di Simona Comi.

Evento in programma del Pisa Book in Town 2015, ho assistito allo Spettacolo di letture Mediterranea tenutosi giovedì 5 novembre presso la Gipsoteca di Arte antica dell’Università di Pisa.

Capeggiati e intervallati dallo scrittore Fabiano Corsini, tre attori, non a caso seduti attorno ad un tavolo a sorseggiare del vino, hanno raccontato il Mediterraneo attraverso la storia e le parole dei più grandi scrittori di tutti i tempi.

Il loro “canto mediterraneo” è partito da molto lontano, dai romani, da Ulisse e ha attraversato epoche, incontri e battaglie, religioni, fratellanza e convivialità.

Come onde incerte e incostanti, pacate o violente, le parole degli scrittori come Paul Valéry, Albert Camus, o Joan Manuel Serrat che hanno raccontato la mediterraneità, mi hanno lasciato queste immagini:

  • un luogo della mente
  • equilibrio, dialogo
  • un modo diverso di stare al mondo
  • un diffuso, turbolento, trionfante gusto della vita
  • blu crudo, bolle di luce, nero di sole
  • la grandezza insostenibile del cielo
  • gli occhi che altro non vedono all’orizzonte che gocce di luce e di colore

Durante lo Spettacolo di letture Mediterranea, si è parlato, e non poteva essere diversamente, anche di cibo e di lentezza. Di un caffè che è un tavolino affacciato sul mare, sul modo tipicamente mediterraneo di dilatare il tempo o bloccarlo del tutto per osservare la vita poiché è nelle soste che si apprezza e si scruta il trascorrere del tempo.

Il Mediterraneo è da sempre stato un enorme raccoglitore di storie, di vicende di uomini, uomini come noi che ci siamo dimenticati di essere mediterranei, uomini che cercano la felicità e che, fosse anche “solo” per questo, devono essere accolti.


Simona Comi
The Author

Simona Comi

Editor, docente di lingua.